Osteoporosi e fratture: l’importanza della prevenzione

Osteoporosi e fratture: l’importanza della prevenzione

Le statistiche parlano chiaro: in Italia sono 175 mila le persone che ogni anno fanno ricorso al pronto soccorso a causa di fratture, perlopiù riguardanti femori, vertebre e polsi. La stragrande maggioranza di questi casi è ovviamente composta da persone anziane, per le quali la frattura è un pericolo considerevole, con un indice di mortalità da non sottovalutare. (altro…)

Polimialgia reumatica: cos’è e come riconoscerla

Polimialgia reumatica: cos’è e come riconoscerla

La polimialgia reumatica si annovera tra le più diffuse malattie infiammatorie che riguardano la popolazione anziana: colpisce infatti gli individui che hanno superato il cinquantesimo anno di età, con un picco tra i 70 e gli 80 anni, interessando le borse sinoviali periarticolari e provocando dolore intenso e rigidità delle sedi colpite, che sono perlopiù collo, spalle, ed anche ma talvolta può coinvolgere zone periferiche come i polsi, le mani, le caviglie o i piedi. Probabilmente dovuta a fattori genetici, ormonali, infettivi ed ambientali, la sua causa effettiva è ad oggi sconosciuta. (altro…)

Malanni di stagione: i consigli di iCare per prevenirli

Malanni di stagione: i consigli di iCare per prevenirli

L’autunno ormai è arrivato: le giornate sono sempre più corte, le temperature si abbassano e le giornate di sole sono sempre più una rarità. Puntuale come la caduta delle foglie è la comparsa dei malanni di stagione e la categoria più a rischio è ancora una volta quella delle persone anziane, non più in grado di affrontare virus e batteri con il vigore di un tempo. Inoltre, raffreddori e influenze di stagione, se non adeguatamente curati, possono degenerare in patologie più gravi e preoccupanti come le bronchiti, diffusissime negli anziani. Non bisogna poi trascurare il fatto che ad arrivare insieme al freddo non sia solo l’influenza, ma anche quegli “acciacchi” che sono conseguenze dirette delle basse temperature, come geloni e dolori di varia natura, in particolare reumatici e artritici. (altro…)

Caregiving, prendersi cura di chi cura

Caregiving, prendersi cura di chi cura

Il termine di origine anglosassone “caregiver” è ormai largamente utilizzato ed è diventato familiare anche per noi: nella sua traduzione letterale sono esplicitate le sue mansioni, parliamo infatti di “colui che si prende cura” dell’individuo anziano, malato e/o disabile e che appartiene alla sfera familiare del paziente, dunque un congiunto che quotidianamente si occupa a tempo pieno del soddisfacimento di ogni necessità del malato non più autosufficiente. (altro…)

Alzheimer, la vita continua anche per i malati

Alzheimer, la vita continua anche per i malati

Viviamo sempre più a lungo e questo, purtroppo, vuol dire che gran parte di noi è destinata ad ammalarsi: il 30 % delle persone, superati gli 80 anni, è malata di di Alzheimer e la percentuale supera il 40 % per gli ultranovantenni. Se ne è parlato nell’ultima puntata de Le iene andata in onda lo scorso 14 Ottobre.

(altro…)

Patologie più diffuse tra gli anziani, i nostri consigli

Patologie più diffuse tra gli anziani, i nostri consigli

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità, nei prossimi anni saliranno a 1,2 miliardi le persone nel mondo che avranno superato i 60 anni. Un dato del genere fa ben sperare in quanto indice di un evidente allungamento dell’aspettativa di vita, ma ci mette anche di fronte alla necessità di una valutazione reale di quelle che sono le problematiche legate alle più comuni patologie legate alla terza età. Sono infatti queste a determinare il grado di autonomia di ciascun anziano e l’eventuale bisogno di una forma di assistenza. (altro…)

Aterosclerosi, l’importanza della prevenzione

Aterosclerosi, l’importanza della prevenzione

Fumo, ipertensione, diabete, colesterolo alto, sovrappeso, sedentarietà: sono i fattori di rischio, ormai più che noti, che contribuiscono all’aterosclerosi, ovvero a quella malattia vascolare cronica e progressiva che riguarda le arterie e che comporta l’ispessimento delle pareti di queste ultime a causa del deposito di lipidi e tessuto cicatriziale (ateromi), provocandone l’infiammazione e l’irrigidimento. Depositandosi nello spazio normalmente adibito allo scorrimento del flusso sanguigno, questi aggregati possono arrivare ad ostacolarne il passaggio provocando conseguenze gravi che comprendono varie patologie cardiovascolari quali infarti del miocardio, angina pectoris, ictus e attacchi ischemici transitori (TIA). (altro…)

Il trattamento del dolore cronico nell’anziano

Il trattamento del dolore cronico nell’anziano

Il dolore cronico affligge un anziano su due coinvolgendo l’apparato muscolo-scheletrico, cardiovascolare e respiratorio e si configura come uno dei principali fattori nella determinazione di una condizione di fragilità dell’anziano. (altro…)