Sovrappeso e obesità: quali sono i rischi per gli anziani?

Sovrappeso e obesità: quali sono i rischi per gli anziani?

Malattie cardiovascolari, neoplasie, ipertensione arteriosa, diabete e varie forme di disabilità sono alcune delle patologie accomunate da un importante fattore di rischio: l’obesità. Sebbene siamo indotti a pensare che all’avanzare dell’età sia collegato solo il calo di peso, in Italia la più alta prevalenza di sovrappeso e obesità si registra proprio nella fascia d’età compresa tra i 65 ed i 74 anni (46.4%).  (altro…)

Parkinson: cos’è la bradicinesia?

Parkinson: cos’è la bradicinesia?

È uno dei principali sintomi del morbo di Parkinson: parliamo della bradicinesia, che consiste nella difficoltà riscontrata nell’intraprendere o nel proseguire un movimento volontario e nella lentezza impiegata nell’eseguirlo. (altro…)

Anziani diabetici, le regole per una sana alimentazione

Anziani diabetici, le regole per una sana alimentazione

Prendersi cura di un anziano diabetico necessita di non poche attenzioni: il diabete è infatti una malattia metabolica legata all’insulina, alla sua scarsa disponibilità e/o all’impossibilità da parte di quest’ultima di svolgere la sua azione. Dal punto di vista clinico, la sua caratteristica principale è l’iperglicemia, ovvero l’eccesso di glucosio nel sangue. (altro…)

Anziani affetti da demenza, 5 consigli per prendersene cura

Anziani affetti da demenza, 5 consigli per prendersene cura

Il compito del caregiver è complesso e delicato, soprattutto se il paziente di cui si prende cura è affetto da declino cognitivo. Oltre alle difficoltà che si riscontrano nell’ambito della memoria, del linguaggio e dell’orientamento, questa condizione può infatti determinare comportamenti inusuali e bizzarri, talvolta addirittura aggressivi e violenti, che non sempre è facile fronteggiare. (altro…)

Anziani e vaccino anti-influenzale: perché è importante

Anziani e vaccino anti-influenzale: perché è importante

La riteniamo la più banale delle malattie, eppure in Italia sono circa 8 mila ogni anno i decessi collegati alla sindrome influenzale. Come è facile intuire, le ospedalizzazioni e l’incremento del rischio di morte riguardano soprattutto gli anziani: il 90% sono infatti over65, nella maggior parte dei casi già affetti da malattie croniche respiratorie e/o cardiache. (altro…)

Angina pectoris: di cosa si tratta?

Angina pectoris: di cosa si tratta?

Patologia abbastanza frequente negli anziani, l’angina pectoris si manifesta con un dolore acuto al petto, caratterizzato dalla sensazione di costrizione a livello toracico. Talvolta il dolore è meno intenso e più vago, quasi un fastidio, e in alcuni casi si estende al braccio sinistro fino alle dita, oppure alla mandibola, alla gola o allo stomaco. Il dolore può inoltre essere accompagnato da altri sintomi, quali dispnea, sudorazione, astenia, perdita di equilibrio, capogiri, nausea e/o vomito. (altro…)

Alzheimer, quanti sono i malati e come viene gestita la malattia in Italia?

Alzheimer, quanti sono i malati e come viene gestita la malattia in Italia?

Stando ai dati raccolti negli ultimi anni, il numero di pazienti affetti da demenze nel nostro paese si aggirerebbe intorno al milione: di questi, circa 600.000 sono quelli malati di Alzheimer, la malattia neurodegenerativa che annienta progressivamente le cellule cerebrali deteriorando ogni funzione cognitiva. Chi ne è affetto (per la maggior parte donne e persone di età compresa tra i 75 e gli 84 anni) diventa progressivamente incapace di badare a se stesso e di provvedere ai propri bisogni primari. (altro…)

Anziani e stress da rientro: cinque consigli per affrontare senza traumi la fine delle vacanze

Anziani e stress da rientro: cinque consigli per affrontare senza traumi la fine delle vacanze

L’arrivo di settembre e la fine delle vacanze sono un trauma per tutti, non per niente sentiamo sempre più spesso parlare di “stress da rientro”. C’è chi torna al lavoro, chi si rimette sui libri, chi torna a scapicollarsi tra i mille impegni giornalieri e chi, come gran parte degli anziani, torna ad una routine decisamente meno piacevole delle vacanze in famiglia e frequentemente caratterizzata da isolamento, noia, solitudine e nel peggiore dei casi angoscia, stress e depressioni che possono generare comportamenti aggressivi. (altro…)